IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI ANNI 18. GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA. Consulta le probabilità di vincita sul sito www.adm.gov.it

Le carte da gioco napoletane


10/09/2021
Le prime testimonianze di carte da gioco risalgono al X secolo in Cina, poco dopo l’invenzione della carta: erano usate come denaro reale e nei giochi avevano la doppia valenza di strumento di gioco e premio finale.
In Spagna l’utilizzo si diffuse a tal punto che a Barcellona nel 1377 fu avviata la produzione. Sotto la dominazione spagnola dei Borboni le carte arrivarono a Napoli nel XVI secolo. Il mazzo era suddiviso in quattro semi: coppe, bastoni, denari e spade. Secondo un’ipotesi molto diffusa, i semi rappresentavano le classi sociali medievali: coppe il clero, bastoni i contadini, denari i mercanti e spade i soldati.
Le carte erano la voce del popolo e a produrle erano dei veri e propri artisti che rappresentavano sulla carta delle scene di vita quotidiana. Quello dei disegnatori di carte divenne una professione molto ambita, tramandata di padre in figlio e le contraffazioni erano punite con pene molto alte per chiunque stampasse carte napoletane prive di sigillo reale.
Seguici su Codere.it
 

codereitalia it le-carte-da-gioco-napoletane-n1138 005

Codere Italia Via Cornelia, 498 00166 Roma +39 06/612551 - P.Iva 06544651000
E-mail: comunicazioni.italia@codere.com
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Indirizzo mail del Data Protection Officer: DPOCodereItalia@codere.com
Servizio Clienti Gaming Hall: att.cliente@codere.com
codereitalia it le-carte-da-gioco-napoletane-n1138 006 codereitalia it le-carte-da-gioco-napoletane-n1138 007

Hosting TITANKA! Spa - Copyright © 2016