IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI ANNI 18. GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA. Consulta le probabilità di vincita sul sito www.adm.gov.it

Milano - Palazzo delle Stelline

In nome della Legalità 2.0 a Milano


24/11/2015

Milano è stata la città protagonista della prima tappa del nuovo dibattito itinerante “In nome della legalità 2.0”, organizzato da Codere presso il Centro Congressi Stelline. La tutela del gioco lecito e responsabile, con un particolare focus sul fenomeno del gioco in Lombardia, sono stati temi affrontati da un ricco panel di relatori.
All’appuntamento hanno partecipano: Dott. Giuseppe Priolo - Vice Prefetto Vicario della Prefettura di Milano, Prof. Emilio Sacchetti - Past President della Società Italiana di Psichiatria, Prof. Massimo Clerici - Direttore della Scuola di Specializzazione in Psichiatria dell’Università degli studi di Milano Bicocca, Dott.ssa Elisabetta Silvetti - Questura di Milano, Dott. Armando Iaccarino - Direttore dell’Ufficio Governo, Accertamento e Riscossione dell’ AAMS  Centrale di Roma, Prof. Ranieri Razzante - Presidente AIRA, Sen. Franco Mirabelli - Capogruppo PD in Commissione Parlamentare Antimafia, Dott. Alejandro Pascual - A.D. Codere Italia. 
Presente all’incontro anche il Vice Prefetto Vicario di Milano, Giuseppe Priolo, che ha voluto portare i saluti delle istituzioni locali.
Punto di partenza del dibattito sono stati i dati AAMS, secondo cui nel 2014 in Italia si è registrato un volume di gioco di oltre €84 miliardi, con un ritorno in vincite di quasi €67 miliardi. All’erario è andato un gettito di €7,959 miliardi.
Nello stesso periodo, in Lombardia il volume della raccolta è stato di €13,847 miliardi. €10,612 i miliardi tornati ai giocatori sotto forma di vincite. Durante l’incontro, sono stati divulgati anche i primi dati 2015. In particolare, nel periodo gennaio-ottobre 2015, in Italia si contano 90.604 esercizi con AWP (in Lombardia 14.491) e 5.846 con VLT (in Lombardia 942). La raccolta gioco AWP+VLT in Lombardia si è attestata intorno ai 9 mld di euro.  
L’intervento di Alejandro Pascual ha sottolineato come ci sia un’incertezza regolatoria che oggi rappresenta il problema più grave per il settore del gioco legale, alla quale si aggiunge un sistematico accanimento perpetuato attraverso l’aumento dell’imposizione fiscale e degli oneri concessori. Durante il dibattito è stato evidenziato che tutti gli operatori del comparto sono da sempre impegnati in prima linea anche nel fronteggiare i preoccupanti fenomeni associati al gioco d’azzardo.
Il Prof. Emilio Sacchetti ha spiegato che, secondo alcune stime recenti, circa il 50% della popolazione italiana asserisce di aver giocato almeno una volta nel corso dell’ultimo anno, ma la stragrande maggioranza non sviluppa un disturbo.
Il Prof. Massimo Clerici ha aggiunto che in questi ultimi anni si è fatta molta confusione sulle implicazioni sociali e psicopatologiche delle dipendenze comportamentali, soprattutto sulla qualità dei dati a disposizione.
L’intervento del Sen. Franco Mirabelli ha voluto ricordare che con il DDL presentato in materia di riordino del settore dei giochi, lo Stato si prefigge di realizzare una regolamentazione valida su tutto il territorio nazionale e, allo stesso tempo, di dare un ruolo chiaro a Comuni e Regioni.
Un ruolo importante è svolto anche dalle forze dell’ordine che durante le verifiche sul territorio nazionale hanno controllato 27.428 esercizi, riscontrando 3.226 violazioni e disponendo 710 misure cautelari. Sul territorio della Regione Lombardia, i numeri registrati sono: 3.904 esercizi controllati, 399 violazioni riscontrate e 79 misure cautelari disposte.
Il rappresentante AAMS, Armando Iaccarino conferma che il territorio è presidiato e attraverso il lavoro congiunto con le altre forze deputate al controllo, viene coperto ogni anno il 44% degli esercizi pubblici che offrono gioco legale e il 60% degli apparecchi collegati alla rete Sogei. La Dott.ssa Elisabetta Silvetti ha spiegato come sia stato adottato anche un vademecum a disposizione di tutte le volanti per i controlli nelle sale e sulle targhette degli apparecchi. Ma il nuovo business della criminalità organizzata è il gambling online. Dal 2006 al 2014 in Italia sono stati 5.204 i siti web irregolari inibiti. 489 solo nel 2014 (dati AAMS).
Secondo le stime presentate dal Prof. Ranieri Razzante, i siti che offrono sistemi di gioco d’azzardo non regolamentato sono oltre 25.000.
Relatori:
Prof. Massimo Clerici, Direttore della Scuola di Specializzazione in Psichiatria dell’Università degli studi di Milano Bicocca 
Dott. Armando Iaccarino, Direttore dell’Ufficio Governo, Accertamento e Riscossione dell'AAMS  Centrale di Roma 
Sen. Franco Mirabelli, Capogruppo PD in Commissione Parlamentare Antimafia
Dott.
Giuseppe Priolo - Vice Prefetto Vicario della Prefettura di Milano 
Prof. Ranieri Razzante, Presidente AIRA 
Prof. Emilio Sacchetti, Past President della Società Italiana di Psichiatria
Dott.ssa Elisabetta Silvetti, Questura di Milano
Dott. Alejandro Pascual Gonzalez, A.D. Codere Italia. 
Moderatore: Massimo Fracaro, Responsabile CorrierEconomia-Corriere della Sera
 


Condividi su:


Codere Italia Via Cornelia, 498 00166 Roma +39 06/612551 - P.Iva 06544651000
E-mail: comunicazioni.italia@codere.com
Privacy Policy - Indirizzo mail del Data Protection Officer: DPOCodereItalia@codere.com

Hosting TITANKA! Spa - Copyright © 2016